Contattaci
News

Sanità digitale: ecco come il Ssn può risparmiare 6,9 miliardi all’anno

Stethoscope on Computer Keyboard

Fonte immagine: Cindi.it

Secondo i dati di una ricerca dell’Osservatorio Nectis, la tecnologia può farci risparmiare circa 6,9 miliardi di euro all’anno in sanità pubblica.

Sanità digitale: ecco come il Ssn può risparmiare 6,9 miliardi all’anno

I dati di una ricerca dell’Osservatorio Netics. Il ministro Lorenzin: “L’impegno per l’innovazione è nel Patto per la salute: ora bisogna superare resistenze burocratiche e politiche”. A Nicoletta Luppi (Msd Italia) il Premio S@lute 2015

Fonte: aboutpharmaonline.com – 10 settembre

Il digitale fa bene alla salute, o almeno al sistema economico e politico che ruota intorno alla cura delle persone. Grazie alle tecnologia la sanità italiana può risparmiare, da subito, circa 6,9 miliardi di euro all’anno. A dirlo sono i dati di uno studio dell’Osservatorio Netics presentati oggi a Roma in occasione di “S@lute”, il Forum della sanità digitale: tre giorni di incontri, fino a sabato, organizzati da Aris (Agenzia ricerche informazione e società) e Osservatorio Netics in collaborazione con GeneraliLuiss e Sics (Società italiana di comunicazione scientifica e sanitaria).

I risparmi in quattro mosse

Il lavoro dell’Osservatorio Netics, la cui versione definitiva sarà disponibile a novembre, si basa sui dati ufficiali del ministero della Salute raffrontati con una serie di best practices ospedaliere italiane. Numeri che consentono di ipotizzare alcuni scenari di risparmio grazie a “semplici” interventi di sanità digitale. Ad esempio, con l’applicazione negli ospedali di strumenti a supporto delle decisioni terapeutiche basati su sistemi Evidence Based Medicine (Ebm), secondo la ricerca Netics si possono risparmiare circa 2,5 miliardi all’anno, aggredendo così il fenomeno della medicina difensiva.
La sanità digitale può consentire il recupero di risorse anche attraverso una migliore integrazione fra ospedale e territorio: grazie alla telemedicina si potrebbero tagliare del 5% le giornate di ricovero dei pazienti acuti in ospedale e del 10% in strutture di lungodegenza. Risparmi? Circa 1,4 miliardi di euro all’anno.
Una terza area di intervento riguarda la razionalizzazione della supply chain (leva prezzo + quantità): secondo Netics si possono recuperare 3 miliardi annui con l’introduzione su scala regionale di sistemi informativi di tipo Enterprise Resource Planning e attraverso la centralizzazione degli acquisti.
Infine, altri 100/150 milioni di euro possono essere risparmiati riducendo i costi di gestione dei Centri unici di prenotazione (Cup) grazie a soluzioni innovative di Patient Relationship Management.

Lorenzin: “La carenza di risorse non sia un alibi per non innovare”

La digitalizzazione della sanità ha bisogno di strumenti normativi adeguati che, tuttavia, spesso si scontrano con resistenze di tipo burocratico o dovute alla frammentazione del Servizio sanitario nazionale su scala regionale, con territori che si muovo sul terreno dell’innovazione a velocità molto diverse fra loro. Ne è convinta il ministro della salute, Beatrice Lorenzin. Intervenendo all’evento ospitato dalla Luiss ha sottolineato la centralità della digitalizzazione nel Patto per la Salute: “Ora – dice il ministro – si tratta di applicarlo sul territorio, ed è la parte più bella ma anche più complessa, soprattutto perché a livello regionale ogni amministratore è padrone a casa propria”. Da qui, la necessità di “mettere a posto il titolo V della Costituzione” realizzando, secondo il ministro, la più utile “riforma delle riforme”.

Sul terreno dell’innovazione digitale i limiti da superare restano ancora tanti. “Non possiamo avere sempre l’alibi della mancanza delle risorse. Dobbiamo lavorare – prosegue la Lorenzin – per ottimizzare quello che abbiamo: negli anni stati spesi miliardi per informatizzare la sanità, ma ora abbiamo ospedali che non parlano fra loro o parlano lingue diverse. Non siamo indietro con l’informatizzazione di singole aziende, ma le aziende non sono in rete fra loro neanche nella stessa Regione, figuriamoci nel Paese. Farle comunicare sarebbe un vantaggio per il sistema, ma anche per il cittadino, perché migliorerebbe anche la qualità delle prestazioni”. Secondo il ministro, inoltre, la digitalizzazione deve essere utilizzata per “un’analisi qualitativa e quantitativa del servizio erogato:incrociare dati per individuare elementi di criticità nel singolo reparto, attraverso algoritmi che possono prevenire problemi economici ma anche qualitativi”.

Il Premio S@lute 2015 a Nicoletta Luppi (Msd Italia)

Nell’ambito di S@alute-Forum della sanità digitale è stata premiata Nicoletta Luppi, presidente e ad di Msd Italia per la “leadership nell’innovazione farmaceutica e l’eccellenza dei servizi digitali rivolti ai professionisti della sanità e al pubblico”. Tra questi, in particolare, Doctor Plus, l’innovativo servizio di monitoraggio remoto dei pazienti cronici con diabete, BPCO e scompenso cardiaco realizzato da Vree Health, società di Msd Italia, specializzata in servizi di e-health.

“L’innovazione è un pilastro fondamentale della nostra corporate identity e parte integrante del Dna delle persone che lavorano in Msd. Il nostro obiettivo è quello di generare valore per il Servizio sanitario nazionale anche attraverso un’offerta qualificata e distintiva di canali, tecnologie e servizi innovativi per il medico, il paziente e tutti gli attori del mondo sanitario”, commenta l’ad di Msd Italia.

http://www.aboutpharma.com/blog/2015/09/10/sanita-digitale-ecco-come-il-ssn-puo-risparmiare-69-mld-allanno/

Privacy Settings
We use cookies to enhance your experience while using our website. If you are using our Services via a browser you can restrict, block or remove cookies through your web browser settings. We also use content and scripts from third parties that may use tracking technologies. You can selectively provide your consent below to allow such third party embeds. For complete information about the cookies we use, data we collect and how we process them, please check our Privacy Policy
Youtube
Consent to display content from Youtube
Vimeo
Consent to display content from Vimeo
Google Maps
Consent to display content from Google
Spotify
Consent to display content from Spotify
Sound Cloud
Consent to display content from Sound