Contattaci
News

Il Cloud in Italia vale più di un miliardo: «Trend dirompente»

Nel 2014 il mercato ICT as a Service nel nostro Paese crescerà del 31%. 320 milioni di euro saranno spesi per servizi di Public Cloud, e altri 860 saranno investiti in infrastrutture, architetture applicative e gestione dei device per costruire sistemi informativi aziendali “Cloud Enabling”. «Per gran parte dei CIO italiani non vi sono più dubbi sul Cloud: il punto è come adottare queste soluzioni». I responsi del nuovo report dell’Osservatorio Cloud & ICT as a Service del Politecnico di Milano

di Daniele Lazzarin

OSSERVATORI

26 Giugno 2014

Se per anni abbiamo guardato al Cloud Computing come a un cambiamento possibile e auspicabile per le imprese italiane, oggi i dati di mercato dimostrano che finalmente questo auspicio è diventato realtà. Il mercato complessivo del Cloud in Italia nel 2014 infatti crescerà del 31%, ed è stimabile attorno a 1,18 miliardi di euro. Una componente quindi ancora minoritaria del mercato ICT complessivo nel nostro Paese, ma certamente di dimensioni ormai rappresentative, e con trend di sviluppo davvero incoraggianti e ben superiori a quelli di grandissima parte degli altri comparti del settore.

È questo il principale responso della ricerca 2014 dell’Osservatorio Cloud & ICT as a Service della School of Management del Politecnico di Milano, giunto alla sua quarta edizione. Il report – presentato oggi al Campus Bovisa del Politecnico – analizza a tutto tondo l’ecosistema Cloud in termini di stato e dinamiche della domanda (con un’indagine su oltre 530 CIO e responsabili IT di imprese italiane), dell’offerta (con uno studio di 440 servizi public cloud di tipo SaaS, IaaS e PaaS disponibili a livello internazionale), e della filiera italiana che eroga tale offerta, interpellando oltre 20 fra i player più rilevanti del mercato.

L’Osservatorio ha inoltre riproposto i “Cloud Innovation Awards”, selezionando tra oltre 50 progetti i casi vincenti, che quest’anno sono Enav, Infocamere, ITCTS Vittorio Emanuele II di Bergamo, Madisoft e RCS Mediagroup.

«I numeri di mercato evidenziano come l’opportunità di un cambiamento possibile’ sia diventata a tutti gli effetti un trend dirompente – commenta Mariano Corso, Responsabile Scientifico dell’Osservatorio Cloud & ICT as a Service -. Questo trend inciderà sulle modalità di fruizione delle tecnologie, condizionando fortemente le scelte strategiche e di investimento delle imprese». La portata di questo cambiamento, continua Corso, va ben oltre l’IT: «Insieme a Mobile, Social e Big Data, il Cloud può abilitare una rivoluzione organizzativa, cambiando il modo di diffondere le informazioni, prendere decisioni e collaborare entro e fuori dall’organizzazione, e ridando slancio e produttività alle imprese italiane».

Il dato di 1,18 miliardi citato in apertura nasce secondo i ricercatori del Politecnico di Milano da due componenti. Il primo è il mercato “diretto” legato dall’acquisto di servizi di Public Cloud, e che è stimato in 320 milioni di euro, con una crescita anno su anno intorno al 40%. L’altra componente è invece originata dal percorso interno abilitante che le organizzazioni devono affrontare per prepararsi a un modello Cloud evoluto, che richiede un Sistema informativo “ibrido”, capace di integrare l’uso di servizi Cloud e sistemi “on premise”, cioè installati in casa.

Tale sistema, definito dall’Osservatorio “Cloud Enabling Infrastructure”, richiede un cammino d’evoluzione su tre fronti – l’infrastruttura, l’architettura applicativa e la gestione dei device – che i ricercatori chiamano “Cloud Journey” e che ha come obiettivi finali dei tre fronti rispettivamente la realizzazione di Software Defined Data Center, la standardizzazione delle modalità di integrazione e orchestrazione applicativa, l’introduzione di sistemi di Mobile Device Management. E quest’anno il Cloud Journey spingerà le imprese italiane a investire ben 860 milioni di euro, il 28% in più dell’anno scorso

Dopo che per anni quindi il Cloud, inteso soprattutto come Public Cloud, è stato visto con diffidenza da molte aziende, come una moda passeggera e rischiosa dal punto di vista della sicurezza dei dati più critici e strategici, oggi anche in Italia l’evidenza e i numeri dimostrano il contrario. È ormai diffusa e preponderante la convinzione che il Cloud sia un elemento di profonda trasformazione per il Sistema informativo aziendale. Anzi, come ha spiegato Stefano Mainetti, Responsabile Scientifico dell’Osservatorio Cloud & ICT as a Service, «molti degli elementi che prima venivano visti come un freno per il cloud, oggi, ribaltando completamente la prospettiva, sono considerati ottime ragioni per sfruttare questa opportunità: infrastrutture latenti, vincoli e oneri normativi, perdita di controllo, scarsa personalizzazione, ampiezza funzionale, sicurezza e performance».

cloud_computing_eht

I CIO e Responsabili IT intervistati sostengono a larga maggioranza che il passaggio a un modello Cloud rappresenta un aumento del valore apportato ai processi aziendali, che nel 63% dei casi beneficiano delle tecnologie più avanzate, e nel 31% vengono arricchiti con nuove funzionalità e servizi: solo il 6% parla di limitazione del supporto ai processi.

Dalla Ricerca emerge inoltre che un numero sempre maggiore di applicazioni, anche vicine al “core business” aziendale, si spostano dal tradizionale approccio On-premise al Cloud. Sebbene ancora prevalga l’approccio interno, tra gli ambiti applicativi dove già oggi è stato abbracciato un modello Cloud vi sono Social & Web Analytics (32%), Human Resources (26%), E-mail & Office Automation (23%), Enterprise Social Collaboration/Intranet (15%), Document Management (13%), ma anche eCommerce (15%), Soluzioni verticali per il business (11%) e CRM & Sales (8%).

E per l’immediato futuro? Chi decide un cambio di modello di fruizione per le applicazioni esistenti, sceglie praticamente sempre (96% dei casi) di passare da on-premise a cloud – solo il 4% fa il percorso inverso -, mentrenei casi di nuova informatizzazione (cioè dove in precedenza il processo/attività non era supportato da un’applicazione), la maggioranza (54%) sceglie una soluzione in Cloud.

Oltre alle dinamiche nelle aziende utenti, come accennato il report dedica un’ampia parte all’offerta. «La tradizionale struttura di filiera del mercato ICT è messa in profonda discussione dall’avvento del Public Cloud e si sta ridisegnando in cerca di nuovi ruoli e forme di differenziazione – osserva Alessandro Piva, Responsabile della Ricerca dell’Osservatorio Cloud & ICT as a Service -. Abbiamo individuato e approfondito tre ruoli principali nella catena del valore del Cloud – ICT Enabler, Service Provider e Cloud Channel -, e messo in luce in particolare l’importanza chiave che sta assumendo il Cloud Channel, e l’emergere di nuovi ruoli come quello del Cloud Service Broker».

Proprio all’analisi dell’offerta e della relativa filiera effettuata dall’Osservatorio dedicheremo prossimamente un apposito articolo, e lo stesso faremo per altre sezioni del report focalizzate sull’approccio delle aziende italiane al “Cloud Journey”, e sul delicato tema dei contratti e delle clausole relativi ai servizi Cloud.

In quest’occasione invece concludiamo con una considerazione di Stefano Mainetti: «Per la maggior parte dei CIO italiani non vi sono più dubbi nella scelta tra adottare o meno soluzioni di Public Cloud: il punto riguarda il come adottarle, con quali modalità e con quale percorso. In quest’ottica, le questioni principali sono due: capire come comporre il proprio Sistema informativo, integrando parti on-premise con parti Cloud, e come dovranno evolvere le competenze interne alla direzione ICT e le modalità con cui questa deve rapportarsi e interagire con le Line of Business».

http://www.ict4executive.it/executive/approfondimenti/il-cloud-in-italia-vale-piu-di-un-miliardo-trend-dirompente_43672153279.htm

Privacy Settings
We use cookies to enhance your experience while using our website. If you are using our Services via a browser you can restrict, block or remove cookies through your web browser settings. We also use content and scripts from third parties that may use tracking technologies. You can selectively provide your consent below to allow such third party embeds. For complete information about the cookies we use, data we collect and how we process them, please check our Privacy Policy
Youtube
Consent to display content from Youtube
Vimeo
Consent to display content from Vimeo
Google Maps
Consent to display content from Google
Spotify
Consent to display content from Spotify
Sound Cloud
Consent to display content from Sound