La graduatoria dei progetti partecipanti al bando “Smart Cities&Communities”

È stata resa pubblica la lista dei progetti di smart city, smart community e innovazione sociale, manca solo la visita ‘in loco’ degli esperti del MIUR per il via ai finanziamenti.

Il fondo complessivo per le città intelligenti italiane è di 630 milioni di euro circa. La graduatoria  è stata appena pubblicata dal ministero  ma si attende ora il processo di ‘verifica in loco’ da parte dei tecnici incaricati. I primi due progetti di ogni ambito del bando vengono finanziati a valle delle verifiche in loco, per gli altri si procederà secondo le coperture.

A luglio 2012 era stato lanciato il bando con scadenza a novembre 2012 (dicembre per i Progetti di Innovazione Sociale, gara destinata ai giovani di età non superiore ai 30 anni). Successivamente, si è avviata la fase di selezione delle proposte progettuali, la cui graduatoria è stata pubblicata sul sito del Miur.

Soluzioni per favorire la mobilità sostenibile, gestione delle risorse idriche, tecnologie di cloud computing da parte delle amministrazioni pubbliche, tecnologie applicate all’inclusione sociale e alle gestione del sistema giudizario: questi i temi dei progetti che compongono la graduatoria.

La commissione di valutazione è stata strutturata in 16 panel, focalizzati sulle aree tecnologiche indicate nel bando.

In totale sono 71 i progetti esecutivi selezionati, divisi in due fasce: quelli che hanno ottenuto il maggior punteggio e quelli considerati idonei. I finanziamenti dei singoli interventi saranno stabiliti in seguito alle visite ‘in loco’, previste dalla normativa vigente, da parte degli esperti scientifici che provvederanno ad approvare i progetti con i relativi costi ammessi.

Le aree tecnologiche indicate di riferimento sono: sicurezza del territorio, invecchiamento della società, tecnologie welfare ed inclusione, domotica, giustizia, scuola, waste management, tecnologie del mare, salute, trasporti e mobilità terrestre, logistica last-mile, smart grids, architettura sostenibile e materiali, cultural heritage, gestione risorse idriche, cloud computing technologies per smart government.